Pesca subacquea nel lago d’Iseo

Pesca subacquea nel lago d’Iseo

La pesca subacquea è consentita solo nelle acque del Lago d’Iseo, limitatamente ai seguenti tratti di sponda:
zona di Pesca subacquea 1 – dal limite Sud del Bogn di Castro al Km. 5.700 della SS 469 Sebinia in comune di Riva di Solto (inizio Zona di pesca a riva con reti professionali) – con l’esclusione del tratto di lago ove è stata istituita la Zona di Tutela in “Località Bogn” in Comune di Riva di Solto per un tratto di circa 2.800 m e per una distanza di 60 m dalla riva
zona di Pesca subacquea 2 dal Campeggio Trentapassi allo sfocio del torrente Zù in comune di Riva di Solto per un tratto di circa 1.000 m e per una distanza di 60 m dalla riva
zona di Pesca subacquea 3 dalla punta della Pietra in comune di Parzanica alle Fabbriche Cementifere di Tavernola per un tratto di circa 2.000 m e per una distanza di 60 m dalla riva
zona di Pesca subacquea 4 dal confine nord dei Cantieri

Riva in comune di Sarnico sino a Villa Nicotra in comune di Predore per un tratto di circa 2.300 m e per una distanza di 60 m dalla riva
La pesca subacquea, da esercitarsi da coloro che hanno compiuto il diciottesimo anno d’età e che sono in possesso della licenza di tipo «B», è consentita esclusivamente dall’alba al tramonto e solo in apnea. La pesca subacquea può essere esercitata solo con fucili subacquei non provvisti di carica esplosiva e senza l’ausilio di fonti luminose. Nella fase d’avvicinamento alla zona di pesca, dove è ammessa la pesca subacquea, il fucile non deve essere trasportato armato. Chi esercita la pesca subacquea deve inoltre attenersi alle norme di sicurezza previste dalle vigenti leggi in materia di navigazione delle acque interne e di sicurezza in mare.