Pisogne

Proseguendo sulla rivierasca bresciana verso Boario arriviamo a Pisogne. Comune molto vasto con varie frazioni e contrade.Sulla Grande piazza del Mercato si affacciano signorili palazzi e la Torre del Vescovo alta 32 metri, dove, la leggenda racconta, vennero arse vive nel 1518 otto donne accusate di stregoneria. Il centro storico, su un leggero rialzo, è formato da strette vie porticate e antichi palazzi come il Palazzo Fanzago da cui emerge che Pisogne deve aver vissuto un periodo di grande floridezza economica dovuta sicuramente alla funzione di emporio commerciale della Valle Camonica. Dal porto collegamenti per Montisola.
 
 
 
  • 12
  • 13
  • 01
  • 02
  • 03
  • 04
  • 05
  • 06
  • 07
  • 08
  • 09
  • 10
  • 11
Gallery Plugin by WOWSlider.com v5.2

Parrocchiale Santa Maria Assumma:
E’ tra le chiese più imponenti di Brescia. Si raggiunge percorrendo una breve salita che inizia dalla principale Piazza Del Mercato. Una Scalinata a due rampe simmetriche ci conduce all’ingresso della Parrocchiale costruita nel XVIII sec. al cui interno si trova un eccezionale organo a canne e l’affresco raffigurante la “ Assunzione di Maria”.

Chiesa Santa Maria Della Neve:
Del XV sec. ad unica navata con volte a croiera. Dei due porticati aggiunti nel XVI sec. ne rimane solo uno ed è stato trasformato dai frati Agostiniani in cappella. All’interno della chiesa ci sono dipinti di Giovanni da Marone e di Gerolamo Romanino e pregevoli affreschi che rappresentano la vita di Cristo. Accorpato alla chiesa il convento dei frati Agostiniani del XVI sec. che oggi è casa di riposo per anziani.

Chiesa Snta Maria in Silvis:
Costruita nel XV sec. in una zona isolata di Pisogne. Il prospetto centrale è molto simile a quello di Santa Maria della Neve, soprattutto il portale d’ingresso. L’interno è a navata unica con copertura a capanna sostenuta da due capriate a vista. Internamente si trovano affreschi attribuite a Giovan Pietro da Cemmo e a Giovanni da Marone.

Palazzo Fanzago:
Il palazzo fu di un’antica famiglia di Pisogne originaria di Elusone che si estinse in quanto gli ultimi appartenenti alla famiglia si diedero al sacerdozio. Costruito nel 1700 tra la piazza S.Costanzo e la via San Marco presenta sulla facciata dei medaglioni che raffigurano personaggi dei Promessi Sposi del Manzoni.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *