Lovere

Lovere
Lovere è una signorile cittadina dell’alto lago. Bellissimo centro di villeggiatura allo sbocco della Valle Canonica e Cavallina. A Lovere è bello passeggiare sul lungolago, tra giardinetti e alberi osservando l’opposta costa bresciana e le cime dell’Adamello.

Nelle ore più fresche della sera, i numerosi bar di Piazza XIII Martiri si popolano di visitatori in cerca di relax. Il centro storico, illuminato da lampioncini è il luogo ideale per passeggiare e scoprire antiche testimonianze della medioevale città fortificata: la Torre degli Alghisi dai massicci muri in pietra, la Torre Soca e la Torricella, quest’ultima sormontata da una croce. la Torre Civica, in Piazza Vittorio Emanuele, è testimone dell’antico castello costruito dalla famiglia dei Celeri nel XII sec.

Durante le ore più calde del giorno, ci si può rinfrescare nelle piscine del lido che sorge a poche centinaia di metri dal porticciolo turistico. Sul lungolago si notano palazzi eleganti, come il Palazzo Gregorini del 1500 con portico e loggietta al secondo piano, Palazzo Marinoni, Villa Milesi, Palazzo Tadini, oggi Pinacoteca Tadini, dove sono esposte centinaia di opere d’arte, il Palazzo Bazzini del XVI sec., si trova vicino la Parrocchiale e presenta un bel portale d’ingresso in pietra di Sarnico che immette nel portico interno. La pianta a forma di U rivolge il lato aperto verso il lago. E’ evidente che Lovere ha conosciuto un periodo di floridezza economica. Nel XV sec. sotto il dominio della Serenissima Repubblica di Venezia si esportava oltre i confini italiani, soprattutto nell’area germanica, il panno grezzo di lana qui prodotto. Le donazioni dei facoltosi loveresi contribuirono alla realizzazione di notevoli edifici religiosi: La Parrocchiale Santa Maria in Valvendra del 1473, è una grande chiesa a tre navate, quella centrale è coperta da una volta a carena, quelle laterali volte a crociera. Ha due ingressi: uno a monte, preceduto da un pronao dove è incastonata una gradinata, il secondo ingresso, laterale, presenta un bel portale con architrave in pietra. All’intero della chiesa ci sono importanti affreschi. La Chiesa di San Giorgio edificata nel XIII sec., ha subito rimaneggiamenti nel corso dei secoli. Il portale d’ingresso, collocato nel 1887, è sormontato da un bassorilievo che raffigura San Giorgio mentre uccide il drago. L’intero in stile barocco presenta una navata centrale e due laterali che furono aggiunte nel 1800.

Sopra l’ingresso si trova una tela del 1657 che raffigura Mosè che fa scaturire l’acqua dalla rupe. Il Santuario del ‘400 a fianco l’istituto delle Suore di carità , è posta alla sommità di una strada in salita che inizia in Piazza Garibaldi, è un pregevole edificio in stile gotico con bel campanile cuspidato. Internamente si trovano preziosissimi affreschi. La Cappella di Santa Chiara del 1648 accorpa il monastero delle Clarisse. Ben visibile dal lungolago di Lovere la torre campanaria con croce e l’abside semicircolare. L’interno a pianta rettangolare con altare in marmo. La Cappella di San Martino è la chiesa più antica di Lovere (sec. XII) Sorge sulle vestigia di una chiesetta costruita nel IX secolo. La Cappella dell’ Immacolata del XIX sec. si trova all’interno del cortile del Palazzo Tadini. All’interno di questa struttura neoclassica si trovano le tombe di alcuni nobili Tadini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *